Vita Sotterranea - Dischi Sotterranei
Back to the top

Vita Sotterranea

2013: Alla fine dell’estate, sette band del circuito patavino costituiscono un collettivo che organizza le prima serate indipendenti al Metropolis di Piazzetta Gasparotto, Padova, coinvolgendo studenti ed appassionati. La nascita dei Sotterranei su IlReferendum e su SpazioRock.

2014:  Il Metropolis diventa una stagione di eventi, i Sotterranei diventano la scena: sono conosciuti, frequentati e supportati. La collaborazione al Gran Teatro Geox. Divengono itineranti. I servizi dei concerti al Circolo Mame su LeRinghiere. Intervista al direttivo dei Sotterranei su StoriaDellaMusica. La prima serata Sotterranei al C.S.O Pedro. L’articolo de Il Gazzettino di Padova sull’evento Sotterranei a supporto del Metropolis Cafè. Sherwood Festival 2014: I Sotterranei a Sherwood Festival 2014. Ancora Il Gazzettino che nell’estate descrive I Sotterranei come il “fenomeno rock padovano della stagione”. L’energia patavina arriva a Treviso a Settembre quando i Sotterranei supportano il nascente collettivo Sisma, che negli anni si evolverà come etichetta discografica. Sub Cult Fest 2014: Il lancio del Sub Cult Fest su IlReferendum. Sub Cult Fest miglior evento d’Ottobre 2014 su Rumore. Sub Cult Fest descritto su Il Gazzettino. Sub Cult Fest lanciato su Il Mattino di Padova.

2015: Dopo aver organizzato alcune serate tematiche al Fishmarket di Padova, i Sotterranei contribuiscono all’organizzazione di Hurricane Festival di Tarli e Farfalle al Pedro. Proseguono poi i concerti al Mame con artisti di livello internazionale. A Febbraio è festa sotterranea al Pedro e serata leggendaria nel nome del grande stoner: I Fatso Jetson nella serata Stoner Legends in collaborazione con GoDown Records sul Mattino di Padova.

Il primo aprile 2015 nasce Dischi Sotterranei, l’etichetta discografica indipendente dei Sotterranei. La notizia si propaga oltre il sottosuolo. I Sotterranei allargano le proprie squame operando come agenzia booking e ufficio stampa, promuovendo band e artisti, fissando date e tour e perseverando nell’organizzazione di concerti e festival. Due progetti cantautorali, Pietro Berselli e Ulisse Schiavo, si uniscono al roster sotterraneo. La Tempesta Sotterranea, atto 0 e atto 1: la fusione in due atti di due etichette/collettivi, attitudine e volume su tre palchi e due location: live report e fotogallery su RockIt, Polpetta Mag, Indiependent Reviews, DafenProject e di Matteo Molon. La stagione termina con una seconda memorabile edizione di Sub Cult Fest al Parco d’Europa, preceduto da due eventi-preview.

2016. I Sotterranei portano rumore nelle vicine province di Venezia (Flat) e Vicenza (Arcadia). Dischi Sotterranei amplifica parallelamente la propria attività a favore di band interne ed amiche. Il ritorno a Padova è da paura come nel titolo del Vivi Padova ed è segreto presso il circolo Catai. La festa del primo compleanno di Dischi Sotterranei si tiene a Padova: è l’ultimo live dei Gramlines prima di una lunga pausa, è una data in casa per Pietro Berselli, in tour nazionale. C’è tanta voglia di Sub Cult 2016: il festival si tiene a maggio ed è anticipato da due preview, sull’Anfiteatro del Venda e a Piazzola sul Brenta. I Vertical sono aggregati al roster e per tutta l’estate sono in tour nei principali festival del Triveneto: AMA, Sherwood Lessinia Psych Fest e Sub Cult Fest. Ad Agosto insieme a Benicio Live Gigs, Everywheregigs e Freakout Club si tiene sul Montello il festival Disintegrate Your Ignorance, storica manifestazione che verrà replicata anche l’anno seguente: un forte tifone si abbatte sull’organizzazione e sul concerto dei Converge, che reagiscono regalando ai partecipanti un improvvisato doppio set al coperto. Con la collaborazione del pubblico e degli artisti, il festival sarà un successo. L’estate è chiusa da un doppio appuntamento che lancia l’Università della Psichedelia, sul Montello e sul Venda. Sotterranei Booking organizza un mini tour in India ai GramLines, che a settembre suonano a New Delhi e a Ziro Festival, alle pendici dell’Himalaja.

La nuova stagione si apre nel segno dell’immagine con VIBRASONICA, mostra fotografica di Filippo Tommasoli alla libreria LaFeltrinelli di Verona, che presenta una selezione di scatti eseguiti durante gli eventi Sotterranei (Ulisse Schiavo, Mondo Naif, Universal Sex Arena ed altri artisti). La mostra prosegue anche sabato 19 novembre, nella notte del ritorno dei Sotterranei all’ex Metropolis, rinominato Hub. Tre anni dopo, Piazzetta Gasparotto risorge con nuovi contenuti artistici e musicali: il release party dei Wora Wora Washington è il primo concerto della quarta stagione sotterranea. Pietro Berselli apre i Garbage al Gran Teatro Geox di Padova con uno show-preview del nuovo tour.

2017: Viene annunciata all’inizio dell’anno l’uscita del nuovo album dei Cosmetic, Core, con Dischi Sotterranei. L’anno discografico è dedicato soprattutto alla promozione di ‘Orfeo l’ha fatto apposta’ di Pietro Berselli attraverso un tour invernale e uno estivo. A Maggio è tempo di Sub Cult Fest al Parco della Musica di Padova: tra gli headliner i Sonic Jesus, Adriano Viterbini con Davide Toffolo e i Fine Before you Came.

2018: La stagione inizia col botto grazie al ritorno della serata Sotterranea in Piazzetta Gasparotto a Padova, presso il Circolo Nadir. Il 10 febbraio al CSO Pedro di Padova è il giorno della festa di Dischi Sotterranei, per il quarto anno di attività dell’etichetta. Viene inoltre annunciata la quinta edizione del Sub Cult Fest, in una nuova location. Si tiene al Parco Milcovich di Padova, nel cuore dell’Arcella, con Kaos One, Siberia, Mamuthones e altri artisti del panorama nazionale. Il quarto e ultimo giorno di Fest, un nubifragio si abbatte sulla città, spazzando via tutto. Jesse The Faccio pubblica il suo primo disco con Dischi Sotterranei. A settembre partecipiamo al torneo di calcetto delle etichette indipendenti Tutto Molto Bello. Esce a novembre con Dischi Sotterranei il terzo disco dei Winter Dust che celebra i loro 10 anni di carriera.

2019: L’anno delle numerose uscite discografiche: dopo le due di inizio stagione, Alberto Almas, Roncea e La Scimmia pubblicano il loro disco con Dischi Sotterranei, che annunciano a marzo la tradizionale festa dell’etichetta. Inizia la collaborazione con NVK Management, che diviene parte integrante dell’etichetta. L’11 giugno si tiene presso Sherwood Festival la tradizionale ‘Serata Sotterranei’, con i concerti di Roncea e Bartolini, che vengono intervistati nella trasmissione Indica insieme ad Alberto Almas e ai membri dell’etichetta. Dal 17 al 21 luglio, per la sesta volta, Sub Cult Fest. Il festival si tiene al Parco Milcovich di Padova all’interno della rassegna ‘Arcella Bella’, in line up spiccano gli A Place to Bury Strangers, Jennifer Gentle e DSA Commando. Tour importanti per le band del roster, spiccano le date estive di Jesse the Faccio al MIAMI e de La Scimmia a Core Festival. Dall’estate Dischi Sotterranei è al lavoro su nuove uscite e integrazioni in roster: Vvendi, Venere, Mivergogno, Pau amma. La nuova stagione inizia a Torino, con Jesse the Faccio, Venere e Roncea in concerto alla Sotterranei Night del Magazzino sul Po.

2020: Prosegue la promozione dei progetti distribuiti. I primi mesi dell’anno vedono fuori i nuovi singoli di Alberto Almas e Vvendi. Esce ‘Verde’ il secondo disco di Jesse The Faccio; esce ‘Galassia Club‘, primo omonimo album degli ex Venere. L’emergenza sanitaria Covid19 impedisce l’organizzazione della serata Dischi Sotterranei prevista nella primavera. In questo periodo gli artisti dell’etichetta, tra cui Pietro Berselli, aderiscono a numerose iniziative di raccolta fondi e visibilità venendo ospitati presso diverse trasmissioni streaming. Successo per il lancio del primo disco dei Post Nebbia, nella playlist di MTV Italia su Spotify ci sono loro a pochi giorni dal rilascio dell’album. Wait and See, brano di Kick, Tin Woodman e Vanarin, è frutto della quarantena che tutta la nazione ha dovuto osservare. Il ritorno sulle scene nazionali dei Non Voglio che Clara avviene a fine Febbraio con la pubblicazione, insieme a Dischi Sotterranei, del disco Superspleen Vol. 1.

Si sono esibiti con noi: Spleen, Treremoto, GramLines, Blue Shoe Strings, Mondo Naif, Vox Delitto, The Beautiful Bunker, C+C=Maxigross, Wired Sophia, Fuzz Orchestra, Masons, Klem, Captain Mantell, Pan Del Diavolo, Alice Tambourine Lover, Muleta, Il Buio, My Tie Is Evil, Mamuthones, Lucertulas, I Cani, SadSide Project, HomeSick Suni & the Red Shades, Marnero, Zeus, Lorelle Meets The Obsolete, Ivy Garden Of The Desert, TWMG, Aidan, Kaleidoscopic, Douge, Slick Steve & The Gangsters, Deville, New Candys, Broken Time Structure, Quiet Confusion, OJM, HeyMoonShaker, Jennifer Gentle, Universal Sex Arena, Go!Zilla, Sonic Jesus, Lay LLamas, His Electro Blue Voice, Panda Kid, Phill Reynolds, Altre Di B, Elli De Moon, LosBorrachos, Gambardellas, Messer Chups, The Rooks, The Shape, Neko At Stella, Uochi Toki, MacSpider, Disappears, I Am Titor, Bleeding Eyes, Bologna Violenta, Herba Mate, Electric Waters, Yawning Man, Fatso Jetson, The Busters Crew, Espana Circo Este, Vuoti A Rendere, Radio Moscow, Iosonouncane, The Myrrors, Wora Wora Washinghton, La Fine, Raein, Endrigo, Second H Sam, Ropsten, The Telescopes, Progetto Tre Gatte, Bachi da Pietra, Viola, Pijamarama, Return From The Grave, Malota, Kill Your Boyfriend, Vertical, la crew di Parklife, Urali, The Underground Youth, Sycamore Age, Wrekmeister Harmonies, Danae, Ulan Bator, Nautilus, Le Capre a Sonagli, Radar Men From The Moon, Krano, Warlocks, Dead Rabbits, Beelzeebeat, Canova, Bad Pelicans, Adriano Viterbini, Fancy Vices, Vanarin, Seville, Marrano, Messa, Licantropy, Siberia, Hund, Danny Trejo, Kaos One con Dj Craim, Jesse the Faccio, Cactus, Vvendi, A Place to Bury Strangers, Jennifer Gentle e DSA Commando e molti altri artisti.

C’è un principio di necessitàche lega la controculturaa ciò che non si vede

La controcultura si nasconde, si annida nei non luoghi, germina sottoterra, si fa cercare attraverso le vibrazioni che irradiano la superficie. E c’è un principio di lacerazione che porta la controcultura a cercare altri spazi, a strisciare nei sotterranei, finché lo spazio e l’esercizio artistico diventano la stessa cosa: underground. La musica underground si lascia cercare, ed ancora una volta è musica che si cristallizza in uno spazio e in un tempo, mentre in superficie il suono osserva le ultime fasi della sua fatale liquefazione.

Underground /ˈʌndəgraʊnd / adj. [Oxford Dictionary]
1. Situated beneath the surface of the ground: an underground car park.
2. Relating to or denoting the secret activities of people working to subvert an established order.
3. Relating to or denoting a group or movement seeking to explore alternative forms of lifestyle or artistic expression; radical and experimental.

© Big Maff / Dischi Sotterranei 2013 - 2020